Cerca

Covid e maternità. Prudenza sì, ma con serenità.

Non c’è evidenza della trasmissione verticale del virus né di un maggior rischio di aborto o parto pre-termine. Diventare genitori al tempo del coronavirus è una sfida non banale. Alla trepidazione che accompagna la “dolce attesa” si aggiunge il timore di doversi confrontare con un “nemico” sconosciuto. A far tremare le future mamme e i futuri papà è soprattutto il rischio di contagio, prima, durante e dopo la permanenza in ospedale, ma, per il vero, non c’è motivo di preoccuparsi troppo. I dati riportati dal ministero della Salute* riferiscono che, al 22 aprile, i neonati in Italia risultati “positivi al virus SarsCov2” sono non più di 25, che “nessuno ha sintomi importanti e si tratta di una condizione che non desta particolari preoccupazioni”. Il ministero cita il presidente della Società italiana di pediatria (SIP), Alberto Villani, secondo cui “non è stata dimostrata la trasmissione verticale da madre a feto durante la gravidanza. Presumibilmente, dunque, questi bambini si sono infettati a seguito del contatto con la madre, positiva, durante o dopo il parto". A confortare i futuri genitori arrivano anche i risultati di alcuni studi Ne parla, appunto, la SIP**. Uno di questi coinvolge 25 ospedali cinesi e prende in esame 116 donne in gravidanza che hanno contratto l’infezione COVID-19. I risultati mostrano che “nel 96% dei casi sono state rilevate anomalie delle immagini polmonari, ma solo 8 donne hanno sviluppato una polmonite grave e non sono stati registrati decessi materni. È stato rilevato un caso di grave asfissia esitato in morte neonatale”. Pertanto “gli autori concludono che l’infezione da virus SARS-CoV-2 nelle donne in gravidanza si presenta con caratteristiche cliniche analoghe a quella delle donne (...) non in gravidanza, che il rischio di aborto spontaneo e di parto pretermine non è aumentato e che nelle donne che hanno sviluppato l’infezione nel terzo trimestre di gravidanza non vi sono evidenze di trasmissione verticale del virus da madre a neonato”. Uno studio italiano prende in esame 42 partorienti risultate positive all’infezione COVID-19 in gravidanza. Fra queste, 24 hanno partorito per via vaginale e 18 col cesareo. I risultati dicono che solo “3 neonati sono risultati positivi al virus, due per probabile contaminazione durante il post partum e uno a seguito di un parto vaginale operativo, ma anche per questo caso non è possibile escludere un’infezione dell’immediato post partum”. Gli autori concludono che il rischio di trasmissione durante il parto vaginale “ sembra molto contenuto”. Per ciò che riguarda il rientro a casa ai futuri genitori viene in soccorso la Società Italiana di Neonatologia con un vademecum***. Fra le indicazioni, lavare le mani ogni volta che si accudisce il neonato, lasciare fuori dalla porta i vestiti indossati per uscire, cambiare l'aria delle stanze almeno due volte al giorno. Per la serenità della famiglia, i neonatologi consigliano di mantenere contatti, seppur “virtuali”, con parenti ed amici, ascoltare musica, leggere e riposare. Sarà bene comunque rispettare il calendario dei controlli di crescita e dei vaccini, e resta l’indicazione di usare guanti e mascherine e di rispettare il distanziamento sociale. Riguardo i timori legati all’allattamento, la SIP ricorda che l’’OMS si dice favorevole “in caso di madre sospetta o confermata, al contatto pelle-a-pelle alla nascita e alla kangaroo mother care”, in quanto i benefici dell’allattamento sulla salute e lo sviluppo del bambino “ superano in modo sostanziale i potenziali rischi di trasmissione e malattia associate a COVID-19”. A cura di: Claudia Di Lorenzi * http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4560 ** https://www.sip.it/2020/05/05/covid-19-in-gravidanza-parto-e-allattamento/ *** https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/question-and-answers-hub

Categorie

In evidenza

Iscriviti alla Newsletter

Resta sempre aggiornato sui corsi e gli eventi promossi da Italian Medical Research

Azienda

Corporate

Case History

Diventa Partner

P.Iva  01266100625

Assistenza

Procedure

FAQ

Centro di Supporto

Link Utili

Hai bisogno di maggiori informazioni riguardanti la Formazione ECM o gli altri servizi?

Contattaci e risponderemo a ogni tua richiesta.

Potrai ricevere assistenza per qualsiasi problema sia inerenti ai Corsi FAD sia a qualsiasi altro progetto. Riceverai una risposta entro 24h.